Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
28 agosto 2011 7 28 /08 /agosto /2011 11:52

Lo sport è un campo che favorisce l’unione tra le persone, la nascita e il consolidamento del concetto di squadra. Le attività sportive nel corso di questi ultimi decenni sono rivolte anche a persone con particolari problemi. Special Olympics ad esempio è un club international (programma internazionale) che si occupa dell’allenamento e delle gare tra persone affette da disabilità intellettiva.

Storia

Special Olympics International nasce nel 1968 negli USA grazie a di Eunice Kennedy. Dopo essere stata sostenuta per vari anni dalla fondazione Kennedy, la società è riconosciuta nel 1988 dalla Commissione Olimpica Internazionale. Dal 2003 l’organizzazione ha anche un proprio statuto, che le consente di agire in maniera più autonoma rispetto al passato. Oggi Special Olympics (che è l’unico organismo che può utilizzare la parola "olympics") è presente in quasi tutto il mondo. La finalità di quest’associazione è di aiutare attraverso lo sport, le persone con disabilità intellettiva, facendole migliorare sia da un punto di vista fisico e sia sotto l’aspetto psichico – sociale.

Progetti e iniziative

Le attività e le iniziative proposte da Special Olympics sono davvero tante e tutte molto interessanti. La prima iniziativa è denominata Alps e consiste nel dare la possibilità agli atleti disabili da un punto di vista intellettivo di raccontare i propri episodi personali, per farli sentire così al centro di un progetto e per meglio capire ciò che desiderano. Tra i progetti proposti dall’organizzazione, uno sicuramente importante è quello denominato Scuola, che ha come principale finalità quella di favorire l’integrazione dei soggetti disabili e di farli sentire accettati all’interno della propria classe e più in generale della società. Il metodo per favorire l’autostima del disabile è rappresentato dall’attività sportiva. Il progetto è rivolto a ragazzi con disabilità intellettiva, a tutti gli altri alunni, ai professori e ai giovani che svolgono attività di volontariato. Il programma Salute coinvolge medici e personale sanitario, che svolgono controlli ai giovani ragazzi disabili intellettivamente che partecipano a gare sportive. Un’iniziativa importante è la campagna denominata “smileproject”, che vede dal 2009 l’impegno di vari sportivi e società calcistiche verso i ragazzi con disabilità intellettiva, per farli avvicinare al gioco del calcio. Altri progetti rilevanti, sono quello della Vodafone (dedicato sempre all’integrazione di questi ragazzi nel mondo del pallone), quello denominato SportLinx (progetto che permette a chi è interessato di creare una pagina personale su GazzaPage e sostenere Special Olympics Italia) e quello di UNICI e PARI promosso e finanziato dal governo. Ogni anno sono organizzati dei summer games (giochi estivi) e winter games (giochi invernali) a livello mondiale ed europeo, destinati ai ragazzi con disabilità intellettiva.

Gioco anch'io!!
Condividi post
Repost0